Privacy

Stiamo aggiornando le nostre politiche e il nostro sistema di gestione dei dati personali per garantire i tuoi diritti in materia di privacy secondo le disposizioni del nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati nella Unione Europea (GDPR).

La Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare è costantemente impegnata a garantirti trasparenza e sicurezza nelle modalità di trattamento dei tuoi dati. Le modifiche che stiamo apportando ci consentono di salvaguardare i tuoi dati e meglio tutelare la tua privacy.

Per esercitare i tuoi diritti puoi scrivere a privacy@dl.camcom.it


MUD Modello Unico Dichiarazione Ambientale

 

L’art. 6 del Decreto Legge 14 dicembre 2018, n. 135 recante “Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione” stabilisce che dal 1° gennaio 2019 è soppresso il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): fino alla definizione e alla piena operatività di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti, i soggetti individuati dal D.Lgs. 152/2006 continuano ad applicare gli adempimenti e gli obblighi relativi alla tenuta di registri e formulari e presentazione del MUD, così come previsto dagli articoli 188, 189, 190 e 193 dello stesso Decreto, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205, nonché le relative sanzioni.

Il D.P.C.M. 24 dicembre 2018, pubblicato sulla G.U. del 22 febbraio 2019, approva il modello e le istruzioni per la presentazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), con riferimento all’anno 2018, da parte dei soggetti interessati, di cui trovate uno schema riepilogativo nella sezione DESTINATARI.

La scadenza per la presentazione del MUD 2019 è il 22 giugno 2019.

Lo slittamento è definito ai sensi dell’art. 6, c. 2-bis. della Legge 25 gennaio 1994, n. 70 che prevede che: “Qualora si renda necessario apportare, nell’anno successivo a quello di riferimento, modifiche ed integrazioni al modello unico di dichiarazione ambientale, le predette modifiche ed integrazioni sono disposte con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale entro la data del 1 marzo; in tale ipotesi, il termine per la presentazione del modello è fissato in centoventi giorni a decorrere dalla data di pubblicazione del predetto decreto”.

 

Cosa è cambiato rispetto alla dichiarazione 2018

Vengono introdotte alcune limitate modifiche alle informazioni da trasmettere che riguardano le dichiarazioni presentate dai soggetti che svolgono attività di recupero e trattamento dei rifiuti e i Comuni. Non vi sono modifiche per quanto riguarda i produttori.

Non vi sono modifiche, rispetto al 2018, per quanto riguarda:

- Soggetti tenuti alla presentazione del MUD;

- Diritti di segreteria;

- Modalità di compilazione ed invio.

Nella sezione "DOCUMENTI" è disponibile una scheda di sintesi delle principali novità apportate rispetto al 2018.

I tracciati record ed il software per la compilazione predisposto da Unioncamere saranno resi disponibili sui siti internet del Ministero dello Sviluppo Economico (http://www.sviluppoeconomico.gov.it), Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (http://www.minambiente.it/), dell'ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) (http://www.isprambiente.gov.it), dell'Unioncamere (http://www.unioncamere.it), di Infocamere (http://www.infocamere.it) e di Ecocerved (http://www.ecocerved.it)

 

 

 

Quando presentare il MUD 2019

 La scadenza per la presentazione della Dichiarazione MUD 2019 relativa ai dati dell'anno 2018 è fissata al 22 giugno 2019 

 

Cosa presentare

 Ogni dichiarante deve presentare un Modello unico di dichiarazione ambientale, contenente tutte le Comunicazioni dovute per unità locale del dichiarante, con le modalità sotto indicate:

 

CHI

COSA

COME

Produttori iniziali che, nella propria Unità Locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori e 3 destinatari finali e conferiscono i rifiuti in Italia

Comunicazione Rifiuti Semplificata

oppure

Invio via PEC comunicazionemud@pec.it della modulistica generata dal sistema di compilazione https://mudsemplificato.ecocerved.it  

Comunicazione Rifiuti

Trasmissione telematica, tramite www.mudtelematico.it

Altri produttori iniziali e nuovi produttori

Comunicazione Rifiuti

Trasmissione telematica, tramite www.mudtelematico.it

Gestori (recuperatori, trasportatori, compresi i trasportatori di rifiuti da essi stessi prodotti, smaltitori)

Comunicazione rifiuti

Trasmissione telematica, tramite www.mudtelematico.it

Comunicazione Veicoli Fuori Uso (se dovuta)

Comunicazione Imballaggi - Sezione gestori rifiuti di imballaggio (se dovuta)

Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (se dovuta)

Intermediari o commercianti senza detenzione

Comunicazione Rifiuti

Trasmissione telematica, tramite www.mudtelematico.it

Conai o altri soggetti di cui all’art. 220, comma 2

Comunicazione imballaggi - Sezione Consorzi

Trasmissione telematica, tramite www.mudtelematico.it

Soggetti istituzionali responsabili per il servizio di gestione dei rifiuti urbani o assimilati

Comunicazione rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzione

-Trasmissione telematica, tramite www.mudcomuni.it

-Invio via PEC della scheda anagrafica generata dal sistema di compilazione www.mudcomuni.it

Produttori di Apparecchiature elettriche ed elettroniche e Sistemi collettivi di finanziamento

Comunicazione AEE

Trasmissione telematica, tramite www.registroaee.it

 

 

Come presentare la dichiarazione MUD 2019

 

        Comunicazione Rifiuti con trasmissione telematica

 

Il file che deve essere spedito viene generato dal software Unioncamere o da altri software che rispettino i tracciati record previsti dall'Allegato 4 al DPCM 24 dicembre 2018. 
Per scaricare il software per la compilazione del MUD 2019 realizzato da Infocamere cliccare qui  

Il file può contenere le dichiarazioni relative a più unità locali risiedenti nella stessa provincia, sia appartenenti ad un unico soggetto dichiarante che appartenenti a più soggetti dichiaranti (dichiarazione multipla).
Ogni dichiarazione può contenere varie Comunicazioni (p.es. Comunicazione Rifiuti elettrici ed elettronici e Comunicazione Rifiuti). 
La trasmissione deve avvenire esclusivamente tramite il sito 
www.mudtelematico.it
Per effettuare la trasmissione telematica gli utenti devono:

 

- essere registrati al sito www.mudtelematico.it

 

- essere in possesso di un dispositivo contenente un certificato di firma digitale (Smart Card o Carta nazionale dei Servizi o Business Key) valido al momento dell'invio (la firma digitale non deve necessariamente essere quella del dichiarante, ma può essere quella di un soggetto al quale il dichiarante ha delegato la compilazione e la trasmissione o anche la sua sola trasmissione);

 

- effettuare il pagamento dei diritti di segreteria tramite carta di credito o con l’Istituto di Pagamento di Infocamere(https://pagamenti.ecocerved.it/)

 

Le associazioni di categoria, i professionisti e gli studi di consulenza possono inviare telematicamente i MUD compilati per conto dei propri associati e dei propri clienti apponendo cumulativamente ad ogni invio la propria firma elettronica sulla base di espressa delega scritta dei propri associati e dei clienti (i quali restano responsabili della veridicità dei dati dichiarati) che deve essere mantenuta presso la sede delle medesime associazioni e studi.

 

 

 Comunicazione Rifiuti semplificata: invio tramite PEC

 

I soggetti che ricadono nelle condizioni previste dalla norma (vedi sezione COSA PRESENTARE) possono presentare il MUD tramite la Comunicazione Rifiuti Semplificata (allegato 2 del D.P.C.M. 24 dicembre 2018).

 

 Non è più possibile compilare manualmente la Comunicazione Rifiuti semplificata e non è più possibile trasmetterla cartacea

 

Il dichiarante dovrà seguire i seguenti passi:

 

1. La comunicazione va compilata  esclusivamente inserendo i dati nel portale mudsemplificato.ecocerved.it ottenendo così il file in formato PDF stampabile della Comunicazione Rifiuti Semplificata.

 

L’accesso al portale avviene tramite credenziali che vengono rilasciate a conclusione di una semplice registrazione: non è necessaria la firma digitale.

 

2. La comunicazione MUD in formato documento cartaceo dovrà riportare la firma autografa del dichiarante, e dovrà essere trasformata in un documento elettronico in formato PDF, necessario per l’invio a mezzo Posta Elettronica Certifica (PEC)

 

3. L’unico file PDF che dovrà essere trasmesso a mezzo PEC dovrà contenere:

 

  • La copia della Comunicazione Rifiuti semplificata firmata dal dichiarante,

  • La copia dell’attestato di versamento di €15,00 dei diritti di segreteria alla CCIAA competente,

  • La copia del documento di identità del sottoscrittore.

  • Se la comunicazione è firmata digitalmente, non è necessario inserire la copia del documento d’identità.

 

Trasmettere via PEC all’indirizzo unico comunicazioneMUD@pec.it il file in formato pdf ottenuto.

 

Ogni mail trasmessa via PEC dovrà contenere una sola dichiarazione MUD e dovrà riportare nell’oggetto esclusivamente il codice fiscale del dichiarante.

 

La spedizione può essere effettuata anche da casella PEC non intestata al dichiarante (p.es.associazione di categoria, professionista o consulente)

 

ESITO POSITIVO dell’invio della Pec

 

Il mittente riceve, sulla sua casella di PEC, una ricevuta di avvenuta consegna (come la ricevuta di ritorno) ed ha dunque la certezza che il suo messaggio è giunto a destinazione.

 

ESITO NEGATIVO dell’invio della Pec

 

Il mittente riceve, sulla sua casella di PEC, una comunicazione nella quale si indica che la trasmissione non ha avuto effetto e si segnala l’anomalia.

 

La Comunicazione Rifiuti semplificata effettuata con modalità diverse da quelle sopra indicate si considera inesatta.

 

 

 Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione: trasmissione telematica o tramite PEC    

        Spedizione telematica

 

         I dichiaranti possono trasmettere via telematica la dichiarazione prodotta all’interno del sito www.mudcomuni.it.

 

         A questo fine debbono essere in possesso di un dispositivo contenente il certificato di firma digitale valido al momento dell'invio, intestato al legale rappresentante o a soggetto da questi delegato.

 

        Spedizione a mezzo PEC

 

        I soggetti che non dispongono di firma digitale o non sono in grado di effettuare on line il versamento del diritto di segreteria adempiono all’obbligo con la procedura di seguito descritta:

 

        1. Compilare la Comunicazione inserendo i dati nel portale www.mudcomuni.it

 

        2. Stampare la Sezione Anagrafica prodotta automaticamente dalla procedura sul sito www.mudcomuni.it, firmata dal legale rappresentante dell’impresa o suo delegato.

 

        3.La comunicazione MUD in formato documento cartaceo dovrà riportare la firma autografa del dichiarante, e dovrà essere trasformata in un documento elettronico in formato PDF, necessario per l’invio a mezzo Posta Elettronica Certificata

 

        4. L’unico file PDF che dovrà essere trasmesso a mezzo PEC, dovrà contenere:

 

      • La copia della Sezione Anagrafica firmata dal dichiarante,

      • La copia dell’attestato di versamento dei diritti di segreteria alla CCIAA competente,

      • La copia del documento di identità del sottoscrittore.

      • Se la comunicazione è firmata digitalmente, non è necessario inserire la copia del documento d’identità

 

        5.Trasmettere via PEC all’indirizzo unico comunicazionemud@pec.it il file in formato pdf ottenuto.

 

        Ogni mail trasmessa via PEC dovrà contenere una sola comunicazione MUD e dovrà riportare nell’oggetto esclusivamente il codice fiscale dell’ente dichiarante.

 

        La comunicazione effettuata con modalità diverse da quelle sopra indicate si considera inesatta.

 

         Non è quindi ammessa la spedizione postale cartacea.

 

 

 

 

 

Quali sono i soggetti obbligati alla presentazione della Dichiarazione MUD 2019 (DATI 2018

Il MUD 2019 (dati 2018) è articolato in Comunicazioni che devono essere presentate dai soggetti tenuti all’adempimento, che sono così individuati:

1. Comunicazione Rifiuti speciali

Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti, compreso il trasporto di rifiuti pericolosi prodotti dal dichiarante;

Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;

Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti;

Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi, con le eccezioni relative ad imprese agricole e attività legate al settore del benessere*;

Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall’art. 184, comma 3, lettere c), d) e g)).

*Si ricorda che la Legge 28 dicembre 2015, n. 221 prevede che le imprese agricole di cui all'articolo 2135 del codice civile, nonché i soggetti esercenti attività ricadenti nell'ambito dei codici ATECO 96.02.01 (acconciatori e barbieri), 96.02.02 (istituti di bellezza) e 96.09.02 (tatuaggio e piercing) assolvono all'obbligo di presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale, di cui al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, attraverso la compilazione e conservazione, in ordine cronologico, dei formulari di trasporto.

 

2. Comunicazione Veicoli Fuori Uso

Impianti autorizzati a svolgere attività di autodemolizione, rottamazione e frantumazione di veicoli fuori uso.

 

3. Comunicazione Imballaggi

• Sezione Consorzi: CONAI o altri soggetti di cui all'articolo 221, comma 3, lettere a) e c) del D.Lgs.  152/2006.

• Sezione gestori rifiuti di imballaggio: Impianti autorizzati a svolgere operazioni di recupero e smaltimento di rifiuti di imballaggio .

 

4. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche

Impianti che effettuano le operazioni di trattamento e di recupero dei RAEE derivanti dalle categorie di apparecchiature elettriche  ed elettroniche rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 49/2014.

  • Centri di raccolta istituiti dai produttori o terzi che agiscono in loro nome ai sensi dell’articolo 12 comma 1 lettera b) del D.Lgs. 49/2014

 

5. Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione

Soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati come, p.es. Comuni, Comunità Montane, Unioni e Consorzi di Comuni o altri soggetti ai quali il Comune abbia affidato il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati relativamente a tutte le operazioni di raccolta

 

6Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritti al Registro Nazionale e Sistemi Collettivi di Finanziamento.

 

Per dettagli sulla modulistica, sul software e le modalità di compilazione della dichiarazione MUD 2019 (dati 2018cliccare qui

Per istruzioni sulle modalità di trasmissione, quanto e come pagare vedere le sezioni ISTRUZIONI e DIRITTI

 

 

 

Quanto costa presentare la Dichiarazione MUD 2019

I diritti di segreteria da versare per la presentazione della dichiarazione MUD 2019 riferita all’anno 2018 sono fissati in: 

  • 10,00 per ogni anagrafica contenuta nelle dichiarazioni trasmesse con modalità telematica (pagamenti accettati con carta di credito o tramite IC Conto)

  • 15,00 per ogni Comunicazione Rifiuti semplificata e Comunicazione rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzionetrasmessa via PEC (pagabili tramite bollettino postale sui conti correnti indicati nella sezione successiva, indicando nella causale di versamento il codice fiscale del dichiarante– LEGGE 70/94)

La Comunicazione AEE relativa alle apparecchiature elettriche ed elettroniche non prevede il versamento di alcun diritto di segreteria. 

I diritti di segreteria dovranno essere versati sul conto corrente della Camera di Commercio destinataria della dichiarazione MUD 2019 (dati 2018):

CAMERA DESTINATARIA DELLA COMUNICAZIONE RIFIUTI SEMPLIFICATA E/O COMUNICAZIONE RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI

CONTO CORRENTE POSTALE PER IL VERSAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA 

BELLUNO

001032746610

PADOVA

00114355

ROVIGO

13405303

TREVISO

001032746610

VENEZIA

13405303

VERONA

00212373

VICENZA

213363

 

 

 

Per informazioni sul MUD 2019 (dati 2018) sono a disposizione i seguenti riferimenti:

 

Informazione

Note

Riferimento

Informazioni sulle modalità di consegna, reperimento documentazione e software, c.c.p. versamento diritti segreteria

Call Center con i seguenti orari di funzionamento

Lunedì

Matt. 09:00-13:00          Pom. 14:00-17:30    

Martedì

Matt.     09:00-13:00      Pom.     14:00-17:30

Mercoledì

Matt.     09:00-13:00      Pom.     14:00-17:30

Giovedì          

Matt.     09:00-13:00      Pom.     14:00-17:30

Venerdì          

Matt.     09:00-13:00      Pom.     14:00-16:00

 

Se il numero non è raggiungibile si attiva una segreteria telefonica e l’utente viene richiamato entro due giorni lavorativi

041 5349940

Informazioni sulle modalità di consegna, reperimento documentazione e software, c.c.p. versamento diritti di segreteria;informazioni sui soggetti obbligati

Ufficio Unico Ambiente delle C.C.I.A.A. del Veneto

ambiente@dl.camcom.it 

Ultimo Aggiornamento: 09/05/2019
Informazioni & Chat
top